Doom 3 BFG Edition - The Lost Mission

Vediamo la seconda espansione di Doom 3, The Lost Mission, e valutiamola.

Grafica

Ci sono alcune novità, date più che altro dalla presenza di un paio di mappe completamente nuove. La grafica, così come in Resurrection Of Evil, continua a far sentire i segni del tempo

Storia

Se la storia di Resurrection of Evil era lineare, questa è una retta. La storia ha alcuni collegamenti con la storia principale, ed usa il costrittore e la Super Shotgun da Resurrection Of Evil.

L'espansione comprende 8 mappe e dall'inizio alla fine sono riuscito a completare la campagna in 112 minuti (meno di due ore), compresi menu, scene di intermezzo, l'ascolto di un lunghissimo nastro prima di arrivare al finale e diverse pause.

Imperdonabile.

Sonoro

Anche qui si sentono i problemi di volume, i diari sono difficili da udire tanto che si sente meglio un personaggio non giocante dietro ad un vetro che non i diari audio nel nostro auricolare.

Gameplay

Quanto ci vuole per uccidere un Wraith? Due colpi di pistola nel petto appena iniziato il gioco, 2 colpi di fucile in testa dopo 2 minuti dall'inizio dello stesso.

Questo ci fa capire quanto il bilanciamento dell'energia dei nemici e dei danni sia ancora da rivedere, per l'ennesima volta.

Anche qui si trovano bachi, come pezzi di poligono invisibile che impediscono ai nemici di colpire il giocatore in maniera abbastanza palese.

A quanto pare questo è proprio lo standard di Doom 3 BFG.

La battaglia finale è anticlimatica con un boss che è già stato visto nella campagna principale, solo molto più semplice. Non ci siamo.

Conclusione

Onestamente non mi aspettavo molto da questa espansione, dati i risultati di Resurrection of Evil; e comunque sono rimasto deluso.

The Lost Mission lascia al giocatore ancora meno di ciò che è stato lasciato da Resurrection of Evil, se questa espansione fosse venduta separatamente dovrebbero pagarmi per doverla giocare, perchè questa espansione è più un "dovere" che un divertimento.

30/100

Se questa espansione non fosse mai stata creata, forse sarebbe stato meglio.

Conclusione della Serie

Arriviamo quindi alla conclusione della serie di post dedicata a Doom 3 BFG Edition, il gioco non presenta orrori tali da meritare punteggi sotto terra, ma considerando le differenze con la versione Classica, come il mancato supporto per le Mods, la mancanza di impostazioni che considererei vitali, i contenuti mancanti, il gioco non è buono, è a malapena decente.

Come nell'ultimo post, diamo un'occhiata alla media ponderata: 48/100

Grazie a tutti per aver letto questo post e ci si vede alla prossima!

Penaz.

social