TuxGuitar & FluidSynth: Usiamo SoundFonts ancora migliori

Vediamo come usare la potenza e la leggerezza di FluidSynth per inserire SoundFont più pesanti in TuxGuitar.

Buongiorno a tutti, in questo articolo vi ho mostrato come è possibile usare i SoundFonts per migliorare l'output di TuxGuitar, in modo da rendere un po' più realistici gli spartiti a vostra disposizione.

Il problema inizia a presentarsi quando il SoundFont più grande (su internet trovate dei mostri da 3GB!!) e perciò il sintetizzatore scritto in Java inizia ad occupare memoria; con ovvie conseguenze: audio scattoso o fastidiosamente in ritardo, mezze note che si perdono per strada, ecc...

In tal caso forse è meglio rivolgere la propria attenzione da qualche altra parte: fra i vari sintetizzatori che TuxGuitar mette a disposizione ho scelto FluidSynth perchè è leggero e cross-platform.

Iniziamo subito!

Installiamo FluidSynth (su Windows potrebbe non essere necessario), in Gentoo per esempio è sufficiente riemergere TuxGuitar con la flag FluidSynth, in altri potrebbe essere necessario installarlo separatamente o addirittura dover usare GNU Make.

Scarichiamo il soundFont che ci interessa da internet o acquistiamolo, a seconda che sia gratuito o meno.

Ora arriva la parte difficile: La configurazione.

Iniziamo aprendo TuxGuitar e andando nel menu Strumenti -> Plugin:

Primo passo

Disattiviamo tutti i plugin di output che non ci servono: in questo caso quello del sintetizzatore scritto in Java e di Gervill:

Secondo Passo

Ora selezioniamo il sintetizzatore FluidSynth e clicchiamo su configura, poi aggiungiamo all'elenco i SoundFonts che vogliamo usare:

Terzo Passo

Quarto Passo

Quinto Passo

Questo passaggio dipende dalla piattarforma che state usando; in Windows uso dsound (Corrispondente di DirectSound ®) in linux uso ALSA (Advanced Linux Sound Architecture). Se siete molto esperti, potete modificare qualche altra impostazione.

Sesto passo

Cliccate su Ok e poi su Chiudi, ora andate ancora in Strumenti > Impostazioni e cliccate su Suono, assicuratevi che come porta MIDI vi sia TG FluidSynth [NomedelSoundFont]. Se tutto è a posto il tutto dovrebbe essere già pronto all'uso, anche se vi consiglio di riavviare TuxGuitar perchè il vecchio sintetizzatore potrebbe essere ancora in memoria, rallentando il programma.

Settimo Passo

Ecco fatto, è tutto pronto! L'avvio di TuxGuitar sarà sicuramente più lento, tenete conto che all'avvio il SoundFont dovrà essere messo in RAM, portate pazienza.

Buon Divertimento a tutti!

Saluti e alla prossima!

Penaz.

social