Tox: Una nuova alternativa che potrebbe soppiantare skype

Scopriamo Tox, un protocollo di nuova concezione orientato alla privacy che cercherà di spodestare Skype & Co.

Buongiorno a tutti, alzino la mano coloro che hanno almeno uno dei seguenti account per la messaggistica istantanea:

  • Skype
  • Google Hangouts
  • Facebook Messenger
  • Whatsapp

In quattro punti penso di aver incluso almeno 3 persone su 4, non possiamo farci nulla, tutti questi metodi sono semplici da usare e sfamano la nostra fame di comunicazione con i nostri amici. La maggior parte delle volte.

Come ho accennato in un precedente post, mi sono lamentato dello scarso supporto e di alcune decisioni prese da Microsoft (proprietaria di Skype) riguardanti Skype per Linux, oggi vi presento un'alternativa gratuita che potrebbe stuzzicare la vostra curiosità: Tox.

Tox non è propriamente un programma, è un protocollo decentralizzato per la comunicazione tramite messaggistica istantanea e non solo. Decentralizzato vuol dire che non vi è un server centrale a cui tutti si connettono, a sua volta significa che non vi è un server centrale che è possibile attaccare, la rete Tox è creata dai propri utenti. Perciò non vi sono periodi di downtime.

Inoltre il protocollo Tox è dotato di una crittografia molto forte per proteggere la vostra privacy, ed è dotato di tutti i comfort che un programma di comunicazione può offrire.

Prima di tutto la classica chat a messaggi istantanei, con tanto di emoticons, a seguire vi sono chiamate vocali gratuite, anche se la qualità non è ancora comparabile a Skype dato che non è ancora stato veramente implementato un codec adattivo; continuiamo con video chiamate, condivisione del desktop, gruppi...

Una caratteristica che mi ha stuzzicato molto, dato che Skype ha introdotto una limitazione nel trasferimento dei files, è appunto la possibilità di trasferire files tra due client senza alcuna limitazione di dimensione.

Per quanto riguarda la sicurezza, Tox usa librerie di crittografia open source, così da garantire di essere sempre al passo con le ultime patch di sicurezza, inoltre la natura distribuita del protocollo rende praticamente impossibile "attaccare un server" e costringerlo a dispensare dati al pirata informatico di turno o a spegnersi.

Inoltre, in puro stile Gnu GPL, il software è libero e gratuito, perciò può essere modificato e tutti possono contribuire alla costruzione di migliorie per questo protocollo, oltre che condividere il progetto e usarlo.

Come ho detto precedentemente, Tox non è un programma, perciò per collegarci alla rete Tox avremo bisogno di un client, e ce ne sono numerosissimi (qTox, uTox, Ricin, Toxygen, ...) per praticamente qualunque piattaforma: Linux, Windows, Mac, iOS, Android, la vostra caffettiera...

Tox è stato concepito per essere sicuro ma anche semplice da usare, basta scegliere il vostro nome e cercare i vostri amici, dopo averli convinti ad unirsi in questo interessantissimo circuito di comunicazione.

Se volete più informazioni riguardo al progetto, non vi resta che visitare il Sito Ufficiale.

Attenzione: Tox Project (I creatori di Tox) e Tox Foundation sono ora due entità diverse, a causa di una disputa riguardante un possibile abuso di fondi ricavati dal crowdfunding del progetto da parte di Tox Foundation

Saluti a tutti, spero di avervi incuriosito a sufficienza, grazie per aver letto questo articolo.

Alla prossima!

Penaz.

social